shopping-879498_960_720

LA SETTIMANA DEL NON ACQUISTO

Oggi vorrei proporvi una sfida…

Una sfida contro noi stesse, una sfida pacifica e benefica, oltre che divertente. Vorrei chiedervi, se vorrete, se vi stuzzica l’idea di partecipare da oggi ALLA SETTIMANA DEL NON ACQUISTO, in cosa consiste?

Consiste semplicemente di non acquistare nulla da lunedì a domenica, vi sembra difficile? In effetti tanto semplice non è ma ci permetterà di comprendere nel profondo molte alchimie che forse non abbiamo valutato fino ad oggi:

  • quanto siamo legati ai negozi e supermercati, quindi quanto siamo legati agli altri e senza di loro quanto vivremmo?
  • quando spendiamo settimanalmente senza nemmeno accorgercene, sopratutto se paghiamo con prepagate e carte di credito o bancomat, fatti apposta per toglierci la percezione del denaro
  • quanto abbiamo perso il fare da sé
  • quanta fantasia abbiamo nell’inventarci piatti buonissimi con le “rimanenze” del frigorifero e della dispensa
  • quanto cibo abbiamo stoccato in congelatore, frigorifero, dispensa e dietro ogni mobiletto
  • quanto potremo risparmiare se ogni mese facessimo questo esperimento e quante ore in media potremmo lavorare di meno se utilizzassimo questo stratagemma
  • quanta spazzatura abbiamo fatto rispetto alle altre settimane
  • quanta soddisfazione essere arrivate a domenica senza toccare il portafoglio

 

Sarà un’esperienza che a molti sembrerà impossibile e molto difficile, come tutte le cose iniziali quando ancora non conosciamo bene come procedere e come ottimizzare, sono difficoltose, ma poi credetemi, ogni settimana si diventa sempre più brave e ogni volta si cerca di migliorare.

smiley-163510_960_720

Se una settimana vi sembra troppa, provate tre giorni e poi se vedete che la sfida vi riesce continuate altri giorni, ognuno sarà libero di sfidare se stesso nel modo che preferisce, ovviamente una settimana è da campioni!

Mi piacerebbe che commentiate questo articolo con i vostri suggerimenti, idee e come voi avete gestito la situazione in merito, è un gioco sociale che nasconde un grande potere, il potere personale del controllo di noi stessi e delle nostre azioni, azione che se pur piccole possono essere di aiuto non solo a noi stessi ma anche a comunità intere.

Quindi vi chiedo di provarci, provateci prima di pensare che sia impossibile, se riesco a farlo io, cinque in famiglia possono farlo tutti, ovviamente io ho un grande orto e sono consapevole di avere un grande privilegio, barattate, scambiate, create, ideate ed infine scrivetemi qui come avete proceduto, le difficoltà che avete incontrato, le ricette che avete inventato e quali emozione si sono mosse prima durante e dopo.

Se volete alcuni consigli eccoli: http://www.naturalmentestefy.it/2015/12/31/10-consigli-per-risparmiare/

Tutti i vostri consigli saranno poi racchiusi in uno o più articoli qui nel blog cosi da potere essere di aiuto e spunto a tutte le persone che passeranno di qui.

Grazie per la collaborazione!

(Visited 17.313 times, 11 visits today)

Ti potrebbe interessare anche...

CREMA OLEOLITO CALENDULA Una bella cremina tutta da provare, purtroppo un bruttissimo difetto di fare tutto ad occhio quindi proverò a dare un'ipotetico dosaggio al tutto ...
FARINA CON SCARTI DELL’ESTRATTORE   Parola d'ordine ....BUTTARE IL MENO POSSIBILE ..... Dopo lunghe ricerche e valutazioni ho acquistato  l'estrattore  http://natural-me...
LATTE CON SEMI DI MELONE Recuperare i semi di melone è una grande cosa, finora li ho utilizzati solo come semi per creare nuove piantine, ma da tempo realizzo questo latte mol...
Torta senza glutine vegan Amo sbizzarrirmi in cucina sopratutto con i dolci, vegan di base poi spesso ci "scappa" il senza glutine. Non amo i preparati, di solito invento o mi...

Categorie: consigli per gli acquisti, Consumo critico, fai da te

33 commenti

  • Emanuela

    Attuiamo questa pratica dal2009 e devo dire che funziona a meraviglia ed è molto più semplice di quanto sembri!
    Un abbraccio
    Emanuela

    • Stefy

      Ciao, anche la pratico da molto ma non l’avevo mai condivisa…se hai voglia potresti scrivere qui dei consigli per le persone meno esperte che passando leggono le tue parole. Potrebbe essere davvero molto utile !

  • Catia

    Ciao Stefy,
    io ci sto!
    L’unica eccezione riguarderà una spesa a favore di una associazione che si occupa di accogliere donne in difficoltà e quindi ho già previsto un budget per questo.
    Ripassero’ di qui domenica per farti sapere come è andata!
    Un abbraccio!

    • Stefy

      Ciao, grazie per avere accettato la sfida siamo tantissime, non immaginavo, le eccezioni sono libere, è una “sfida” pacifica che ognuno darà le proprie regole, ha lo scopo di fare riflettere, questo è l’unico obiettivo, anche risparmiare e spero che questi giorni possano insegnare moltissimo, ci tengo davvero tanto se scriviate tutte qui o in privato a me tutte le vostre impressioni!

  • Tyreal

    Ho una controproposta: per questa settimana a spesa zero, metti il tuo ebook a 0 euro anziché 4,99. Penso sia un ottimo modo di incentivare l’iniziativa :)

    • Stefy

      Ciao, bellissima iniziativa, peccato che non ne sono capace hihihi Riderai ma è cosi, chiedo a chi sà e accetto la sfida molto volentieri, non posso promettere nulla perché non dipende da me!! ciao

  • Giovyna

    Ciao, sono capitata per caso in questo tuo post e devo ammettere che questa sfida che hai lanciato mi stuzzica parecchio! Sono una persona che non bada affatto a spese e molto spesso al supermercato spendo più del dovuto (a causa del fatto che sono una food blogger e quindi amo cucinare).
    Voglio seguire i tuoi consigli e provare a non acquistare nulla per una settimana o almeno ci voglio provare… Ti farò sapere, a prestissimo!

  • Emanuela

    eccomi (…finalmente ho il PC a disposizione, che scrivere dal cellulare per me è un incubo).
    nel 2009, a causa di una malattia congenita di mio figlio, ho iniziato a ” rivoluzionare ” la mia cucina! Premessa. ho sempre amato cucinare e , già da quando i miei bimbi erano piccolissimi, non ho MAi usato un omogeneizzato, una farina in scatola, ho sempre fatto io torte e biscotti, focacce e pane. Cucinare mi rilassa . Però, con il passare del tempo, ho letto tanto ed acquisito molta più consapevolezza.
    La svolta è stata la malattia di Tommaso. Ho iniziato a tenere un diario di tutto ciò che doveva o non doveva mangiare, di ciò che poteva aiutarlo e di ciò che dovevamo escludere: il mio quaderno campeggiava e campeggia in cucina, con un menù di massima per tutta la settimana, con alternative e variazioni….da lì ho iniziato a tenere sotto controllo ciò che si ha in casa. credenza, dispensa, frigorifero, congelatore. Da lì ho iniziato a capire che in casa c’è sempre di tutto. da lì abbiamo istituito la settimana del non-acquisto, cioè del ….si mangia ciò che c’è!
    da me funziona così: si fa una ricognizione di ciò che abbiamo e, in base a questo, stilo un menù. ABOLITI i ” mi andrebbe…..” perchè, se per caso ci andasse la zuppa di ceci e ci sono i fagioli….si fa la zuppa di fagioli! A me serve scriverlo, il menù settimanale , che ce l’ho sempre sott’occhio.
    non è perdita di tempo, anzi, risparmio stress e tempo. Di solito dedico a questo un sabato sera o una domenica mattina, un’oretta per CREARE con quello che c’è , cercando di bilanciare pranzi e cene e colazioni.
    Quanto superfluo mi sono accorta di possedere!
    un abbraccio
    Emanuela

    • Stefy

      Emanuela, è proprio il caso di dirlo… non tutti i mali vengono per nuocere, anzi .. Tommaso è stato un motore per maggiore consapevolezza e per imparare molte più cose, Grazie di cuore per avere scritto qui un piccolo pezzo della tua vita e avere condiviso questi consigli, Stefy

  • Rosanna

    Cara Stefania,
    ti seguo ormai da tanto sia qui che su Facebook .. che dire sei un vulcano di idee creatività e tenacia .. mi piaci tanto! ! Oggi sono andata al supermercato e in effetti ho acquistato un po troppo perché in freezer e in dispensa avrei tante cose da consumare. . Quindi con un giorno di ritardo accolgo volentieri la proposta e fino a domenica niente supermercato!
    Un abbraccio
    Rosanna

    • Stefy

      Ciao Rosanna, tranquilla inizia quando vuoi…L’obiettivo è proprio consapevolizzare, fare pensare e poi attuare in concreto!! Ciao e fammi sapere !

    • Stefy

      Ciao, benissimo, fammi sapere mi raccomando,se vuoi mandami foto e ricette vegani e consigli pratici e non che poi inserirò in una sezione apposita del blog! Grazie

  • Donatella

    Ciao! Bellissima proposta! A me capita ogni tanto di avere giornate alterne in cui non acquisto nulla utilizzando ciò che ho a disposizione, ma ad una settimana non ci sono mai arrivata. Per me sarebbe veramente una grossa sfida ma vorrei provarci. E’ sicuramente un modo per sperimentare ricette e usi nuovi in cucina.
    Ti seguo da qualche anno e dal tuo blog e da un paio di tuoi libri acquistati ho tratto vari spunti utili a tutta la famiglia.
    Un abbraccio

    • Stefy

      Ciao, grazie mille per seguirmi da cosi tanto tempo, mi fa molto piacere, tentar non nuoce, io ogni tanto lo pratico anche perché mi permette di riflettere e rispolverare abitudine che a volte il caos quotidiano affievolisce..fammi sapere

  • simona

    Ciao a tutte! Anche io farò qualche giorno di non acquisto… eccezione del rifornimento di metano però…devo fare un po di km per andare a lavorare…. me lo concedete???
    Stefy sei una grande….

    • Stefy

      Bravissima,anche io forzata benzina e materiale scolastico per bambini però altro mi sto inventando, fammi sapere come ti sei trovata !!

  • daniela

    ciao stefania, allora ho raccolto la sfida e questa sera sono andata al super ed ho acquistato per 3 euro di spesa, cioè 1 kl. di yogourt e un panetto piccolo di burro ,perchè voglio farmi da me la robiola che ni fa proprio impazzire. Domani e domenica…passeggiate, letture e niente negozi, oltre i 3 euro non scucio più 1 lira fino a sabato prossimo.Promesso ,promesso, promesso!!! bacioni e un pensiero proprio affettuoso per te e per tutti.

    • Stefy

      Ciao Bravissima!!!! Mi raccomando poi mandami fotografie e consigli anche pensieri ed i problemi e riflessioni di questa settimana !!Grazie per l’entusiasmo!

  • Patrizis

    Ok accetto la sfida. Oggi sn andata al super e ho fatto spesona (anche una stampante pensa un po’) da lunedì stop agli acquisti vediamo fino a quando riusciamo ad arrivare…..ti aggiorno! Un bacio al gruppo!

  • Cinzia

    Ciao, accettò la sfida anche noi siamo in cinque, a volte capita che quando vedo la dispensa piena decido di non comprare nulla e di svuotarla ma al massimo sono arrivata a tre giorni :) ma ora voglio provare ad arrivare a una settimana… Un Abbraccio

  • Chiara

    Ciao Stefania,
    grazie per la sfida. Per pigrizia io non ci avrei mai pensato e ci ho provato proprio la settimana scorsa quando ne hai parlato in questo bellissimo spazio.
    Io e la mia famiglia siamo arrivati a 6 giorni. E’ stato molto istruttivo e ha sviluppato la nostra creativita’ in cucina. Ho sempre fatto il pane in casa (non lo faccio spesso), gnocchi, qualcosa dall’orto, qualcosa dal freezer che avevo conservato , ma soprattutto via alla fantasia con ricette semplici utilizzando tutto cio’ che la dispensa ci forniva. Nel frattempo c’erano gli impegni di tutti i giorni: lavoro e impegni dei figli. Ho riferito a qualcuno della mia iniziativa e mi e’ stato risposto “Facile, usi le scorte che hai in casa!” Ma cio’ e’ vero solo in parte. Infatti se pensiamo che molti buttano nella spazzatura cio’ che puo’ essere ancora mangiato, io non ho fatto altro che evitare che questo avvenisse dando un altra vita agli avanzi. Questo dovrebbe essere sempre fatto. Da tutti!
    Un grazie di cuore ed un affettuoso abbraccio.
    Namaste’

    • Stefy

      Ciao, bravissima, complimenti per il traguardo e sopratutto per il lavoro psicologico che ha comportato mettersi in gioco, era proprio questo l’obiettivo ….Grazie per avermi scritto la tua testimonianza, mi auguro che possa servire ai molti che ogni giorno passano di qui.. Ciao

    • daniela

      ciao, da quando siamo partite con l,iniziativa, ho ridotto tanto ma tanto ogni spesa. Non sono ancora così brava, ma a parte le cose più necessarie, continuo. In settimana con gli scarti degli agrumi ,ho preparato sia il detergente per le superfici, sia il detersivo piatti, NON CI CREDEVO ma i piatti, acqua calda e quel detersivo, (anche le padelle) sono venuti perfetti. Sono contenta da matti, spero di imparare sempre di più.Sono contenta lo stesso, anche se quando ne parlo, molti mi guardano come se fossi strana. Ma io sento che la Vita se la sai rispettare ,ti fa tanti piccoli regali e insieme anche l’entusiasmo di imparare.Scusa se ti ho preso del tempo, che tu di tempo ,mi sa che ne hai poco, ma ero contenta di dirtelo. UN’abbraccio grande!

      • Stefy

        Ciao Grazie di cuore per la tua preziosa testimonianza, è sempre utile leggere queste parole, è il percorso un po’ di tutte noi che abbiamo scelto una vita chiamiamola cosi…alternativa!! ciao

  • Chiara

    Ciao!! Noi lo facciamo già: prima di fare la spesa facciamo un menù settimanale in base a ciò che abbiamo in casa, cosa ci va e le offerte dei supermercati in cui andiamo, poi facciamo la lista e solo dopo si va! Si risparmia ma soprattutto NON SI BUTTA VIA IL CIBO, non ha il tempo per andare a male!!

  • milena

    ciao,
    è una molto applicata nella nostra famigliola di due persone: mio figlio ed io…
    perchè oltre a , non ci piace andare al supermercato!
    ,,e il nonno, che ha l’orto e ci dà le “verdure vere”, abita lontano e lo vediamo poco, quindi quel che ci dà ce lo facciamo durare!!
    eppure,,siam sempre satolli !!!!
    grazie stefy !

  • milena

    ,,,intendevo dire: è una pratica molto applicata nella……
    ma ho scritto la parola applicata fra le due parentesi e così è sparita

    ciao