Immagine 002

CROCCANTE FAI DA TE

La ricetta me l’ha data il maritino che non fà nulla in cucina ,ma la febbre ha iniziato a dare i suoi frutti e si è messo ai fornelli: 50% frutta secca (noi avevamo noci e nocciole )50% zucchero ,la dose si intende non in peso ma in VOLUME…

In un pentolino in acciaio mettere sul fondo del succo di limone ,aggiungere lo zucchero stenderlo a livello omogeneo e mettere sul fuoco a bassa temperatura,lasciare che si sciolga piano piano senza mischiare,poi aggiungere la frutta secca mischiare bene, nel frattempo preparate  un pezzo di carta stagnola unta con olio e rovesciargli sopra il croccante….quando si sarà raffreddato romperlo a pezzi…..

(Visited 1.292 times, 1 visits today)

Ti potrebbe interessare anche...

10 libri che mi hanno cambiato la vita Vengo perennemente contattata per consigli pratici e non, le domande spesso sono le stesse una tra tutte, mi puoi consigliare un libro? In realtà ci ...
DADO con scarti Facile, veloce, economico, sano, buono, pratico, indispensabile ... Dado e sale aromatizzato nello stesso tempo .      ...
10 consigli per RISPARMIARE Risparmiare in tempo di crisi, risparmiare per realizzare sogni, risparmiare per lavorare meno ore ed avere più tempo per sé, risparmiare per vivere r...
63 ricette a basso costo semplice veloci Almeno tre pasti principali al giorno, più tutti gli spunti, merende per grandi e piccini ... Il cucinare sano è un "problema" costante per tutti ogni...

Categorie: DOLCI VEGAN

4 commenti

  • katia

    buonooooooooooooo stasera sarei stata tentata di comprarlo..a saldo al super..ma ho desistito..mi sembrava fin troppo bello per essere naturale.)

  • stefy

    ciao katia,in effetti ho visto che i super lo hanno tutti in saldo….ma quello del super è spesso e le bimbe piccole fanno fatica anzi non riescono a mangiarmelo quello che fà mio marito è apposta per loro bello sottile…ciao stefy

  • Patrizia

    Questa ricetta mi ha ricordato mia nonna: me lo faceva sempre, con i pinoli e lo rovesciava sul piano di marmo del lavandino unto d'olio, per non sprecare neanche la carta stagnola (lei la riutilizzava comunque ogni volta che poteva). E' così semplice e buono!
    Grazie Stefy per avermelo ricordato, lo farò.